Cadaverous Animation

Riferimento italiano: Rianimazione Cadaverica

Le Vie de “La Decadenza del Sepolcro” e de “Il Cadavere nel Mostro” sono di base studi simpatetici. Esse si preoccupano d’utilizzare la comprensione del comportamento dei cadaveri al fine d’applicare questo comportamento in altre materie, sia che esse riguardino la carne viva che quella morta. La “Rianimazione Cadaverica” invece, si basa sulle teorie di contagio magico, assumendo che i corpi morti, una volta abitati da anime vive, possono essere indotti ad imitare le abitudini degli esseri viventi. I necromanti Veneziani, recentemente Abbracciati nel Clan Cappadocio, sono detti avere una profondissima comprensione di questa Via e della arti correlate ad essa, ma queste sono solo le voci che corrono tra i Ladri di Cadaveri.

(1) Tracce di Vita

Il cappadocio con questa abilità può far in modo che un cadavere esibisca una o due caratteristiche vitali simulando direttamente la contrazione od il lento muovimento della carne ormai morta. questo potere è spesso molto utilizzato sia per convincere i cari del defunto che il loro amato è ancora vivo, o per terrorizzarli. Il vampiro non può forzare un cadavere a parlare e se gli fa aprire gli occhi, ogni dubbio che il soggetto non sia ancora morto è scacciato dal lattiginoso, decomposto aspetto delle sue orbite.

Sistema: Rianimazione Cadaverica Le Vie de “La Decadenza del Sepolcro” e de “Il Cadavere nel Mostro” sono di base studi simpatetici. Esse si preoccupano d’utilizzare la comprensione del comportamento dei cadaveri al fine d’applicare questo comportamento in altre materie, sia che esse riguardino la carne viva che quella morta. La “Rianimazione Cadaverica” invece, si basa sulle teorie di contagio magico, assumendo che i corpi morti, una volta abitati da anime vive, possono essere indotti ad imitare le abitudini degli esseri viventi. I necromanti Veneziani, recentemente Abbracciati nel Clan Cappadocio, sono detti avere una profondissima comprensione di questa Via e della arti correlate ad essa, ma queste sono solo le voci che corrono tra i Ladri di Cadaveri. Le statistiche per le varie forme di cadaveri animati appaiono nell’Appendice. 1Traccie di Vita Il cappadocio con questa abilità può far in modo che un cadavere esibisca una o due caratteristiche vitali simulando direttamente la contrazione od il lento muovimento della carne ormai morta. questo potere è spesso molto utilizzato sia per convincere i cari del defunto che il loro amato è ancora vivo, o per terrorizzarli. Il vampiro non può forzare un cadavere a parlare e se gli fa aprire gli occhi, ogni dubbio che il soggetto non sia ancora morto è scacciato dal lattiginoso, decomposto aspetto delle sue orbite. Sistema: Il giocatore tira Persuasione + Occulto (difficoltà 6). Con un solo successo, il personaggio può far in modo che una singola salma entro il raggio di 10 metri si contragga o faccia simili, lievi movimenti. Questa abilità può anche replicare il battito delle pulsazioni d’un uomo. Più successi rendono possibili un maggior numero di realistici movimenti, sebbene il personaggio non possa fare molto di più che far credere che il cadavere stia dormendo. Un solo successo consente una rapida contrazione, un profondo respiro od un altro singolo movimento. Quattro o più successi consentono al Cainita di creare una seri di movimenti (spinte, respiri, lievi contrazioni o anche tutte e tre) per la durata d’una scena. Un fallimento vuol dire che il potere non funziona, ma il turno successivo il giocatore può ritentare. Un fallimento critico causa la rapida decomposizione del cadavere, come se il vampiro sia ricorso all’abilità “Distruggere l’Involucro” della Via de”La Decadenza del Sepolcro”. In ogni caso, gli osservatori devono tirare Percezione + Medicina (difficoltà 7) ed ottenere più successi del personaggio per capire che la salma è, in effetti, morta. Questa difficoltà cala a 5 se chi osserva tocca il corpo e percepisce la mancanza di calore. Il successo è invece automatico se si dà uno sguardo agli occhi latigginosi del cadavere. Il praticante di Mortis può usare “Traccie di Vita” su un vampiro in torpore.

[notification type=”notification_info” ]Gli effetti sono gli stessi che si possono ottenere su un cadavere, salvo che il personaggio necessita di due successi addizionali (ciò vuol dire che deve ottenerne un minimo di tre per avere un singolo effetto). Questo potere è inefficace su vampiri dal sangue più forte (generazione inferiore) di quello del praticante. [/notification]

(2) Evocare lo Homunculus Servitore

Con una piccola applicazione del proprio sangue, un Cappadocio che ricorra ad “Evocare lo Homunculus Servitore” può far sì che una piccola, mobile parte d’un corpo morto, si separi dal resto del cadavere e si muova sotto il suo controllo. Generalmente, i Cappadoci animano una mano, ma il potere è stato usato in passato per permettere a dei bulbi oculari di rotolare via di propria iniziativa ed altre e più strane storie occasionalmente circolano a riguardo. Lo homunculus possiede sensi mistici che lo rendono capace di vedere e sentire, esso si nasconde estremamente bene, si muove rapidamente ed ha una modica quantità d’intelligenza. Quando esso si trova entro 400 metri dal vampiro, il servitore può comunicare cosa esso veda e senta al suo creatore, grazie ad un sorta di telepatia. Il servo è abbastanza intelligente da comprendere semplici frasi od ordini telepatici, ma manca d’iniziativa, un difetto che è particolarmente evidente quando esce dal raggio di controllo del Cainita. Il servitore non può trasportare alcunchè, sebbene gioielli o piccoli oggetti possano essergli attaccati addosso.

Sistema: Il giocatore spende un punto sangue e tira su Destrezza + Occulto (difficoltà 7) mentre il personaggio stilla Vitae su una parte appropriata d’un cadavere a disposizione. Con un successo, la mano del cadavere, (o un qualunque altro membro) diviene una creatura animata; se fallisce, il personaggio può ritentare di creare un servo dallo stesso membro il turno successivo. Un fallimento critico svuota il residuo di simil vita dal cadavere, rendendolo inutilizzabile per gli scopi della Via. Lo homunculus è assolutamente obbediente al suo creatore, ed ignora completamente gli ordini o le richieste di altri individui (sebbene persistano voci d’un rituale atto a rubare un servitore altrui). Esso comunica telepaticamente col suo creatore sinchè non s’allontana da lui di oltre 400 metri. Se lo fa, egli continua ad agire secondo le sue più recenti istruzioni, almeno sinchè non ne riceve altre. Il servitore resta attivo una scena per successo ottenuto. Se il giocatore spende ulteriore sangue e ritira Destrezza + Occulto al termine del potere, esso resta animato per un altro tot di scene. Questo processo può durare indefinitivamente e molti Cappadoci possiedono homunculi di questo tipo per molto tempo. Il servitore può essere ucciso in combattimento come ogni altra creatura ed esso non ottiene la resistenza dei vampiri ai danni da Urto.

Homunculus Servitore 

Attributi: Forza 1, Destrezza 4, Costituzione 1, Carisma 0, Persuasione 0, Aspetto 0, Percezione 3, Intelligenza 1, Prontezza 2
Abilità: Sesto Senso1, Atletica 1, Schivare 2, Furtività 2
Forza di Volontà: 0
Livelli di Salute: 1x(o), 1x(-5)
Attacchi: Colpire, artigliare o stringere per due dadi danno (da urto).

[notification type=”notification_info” ]gli homunculi Cappadoci sono parti di corpi morti (generalmente mani) a cui è stata donata una sembianza di vita grazie alla Via della Rianimazione Cadaverica. Essi servono i loro padroni Cappadoci come assistenti di laboratorio e spie. Si muovono di 2 metri per turno.[/notification]

(3) Far Alzare il Cadavere per Servire

Questa abilità permette ad un Cappadocio di porre un cadavere senza vita in uno stato d’apparente non-vita, trasformandolo in una traballante imitazione. “Far Alzare il Cadavere per Servire” agisce ugualmente bene sia che l’individuo sia morto da non più di mezz’ora sia che esso si sia decomposto sino ad uno stato puramente scheletrico.Il servitore non è capace di pensieri indipendenti, ma può eseguire gli ordini dettigli a voce alla perfezione. Un servitore cadaverico, ad ogni modo, non è un guerriero; esso può interferire coi nemici del vampiro ponendosi sulla loro strada o tentando d’afferrare le loro cose, ma non possiede alcuna abilità d’attacco. Può essere considerato come un traballante maggiordomo ed è un elemento immancabile nei rifugi e nei monasteri dei Cappadoci.

Sistema: Il giocatore spende 1 Punto Sangue e tira Persuasione + Occulto (difficoltà 6) nello stesso istante introduce la sua Vitae nella bocca della salma. Il processo richiede tre turni ed il servitore cadaverico resta attivo un giorno per ogni successo ottenuto nel tiro. Se si fallisce , il personaggio può riprovare a creare un servo dal medesimo cadavere ancora una volta, trascorsi tre turni. Un fallimento critico distrugge il morto in una blasfema fiammata. Il servo non è completamente stupido; esso può compiere semplici mestieri di casa così come rassettare, preparare cibi ed accompagnare gli ospiti per la dimora. Ad ogni modo, è un cadavere e non un vampiro. Infatti continua lentamente a decomporsi esibendo i sintomi di tale decomposizione. Esso non può parlare, ma è in grado di gesticolare (sebbene i suoi gesti siano tipicamente lenti e smplici). Sebbene non sia in grado di combattere, esso sarà felice di tentare d’alleggerire gli “ospiti” delle loro pesanti armi ed armature, tentando goffamente di disarmare un nemico se gli verrà ordinato di farlo. Una volta che il tempo di “resurrezione” è terminato, il cadavere può essere rianimato nuovamente senza penalità aggiunte.

Servitore Cadaverico 

Attributi: Forza 2, Destrezza 2, Costituzione 3, Carisma 0, Persuasione 0, Aspetto 0, Percezione 2, Intelligenza 1, Prontezza 1
Abilità: Mestiere 1, Amministrare 2
Forza di Volontà: 0
Livelli di Salute: 3x(0), 2x(-2)
Attacchi: Nessuno.

[notification type=”notification_info” ]i servitori cadaverici sono corpi traballanti a cui è stata donata una sembianza di vita grazie alla Via della Rianimazione Cadaverica. Essi agiscono come assistenti ed obbediscono ai loro padroni. Non parlano e si muovono lentamente, spostandosi traballando di 5 metri per turno. Essendo per davvero esseri morti, essi sono immuni a pressochè tutti gli effetti delle Discipline di controllo mentale ed assorbono i danni letali e da urto come i vampiri.[/notification]  

(4) Richiamare l’Athanatos

Diversamente da “Far Alzare il Cadavere per Servire”, “Richiamare l’Athanatos” trasforma il cadavere d’un animale o d’un uomo in un vero mostro, un assassino animato. Il Cappadocio controlla il guerriero non-morto attraverso la forza di volontà, ma la cosa stessa è spinta solo da un motivo: la morte. Le leggende che circondano questo potere suggerisce che il guerriero non-morto sia uno strumento non del suo creatore, ma della Morte stessa, una sacrilega prole della Nera Mietitrice. La creatura animata da questo potere è un’abile combattente, che ha familiarità con la maggior parte delle armi da mischia anche se il suo corpo in vita non era quello di un guerriero (sebbene il cadavere d’un combattente sia più adatto di quello d’un contadino). Athanatos (al plurale Athanatoi) è un utilizzo vagamente ironico d’un termine utilizzato da Erodoto per i cosiddetti “Immortali”, la guardia d’elite degli antichi re di Persia. I Cappadoci con un’inclinazione meno “classica” spesso chiamano questi guerrieri semplicemente cavalieri cadaverici o ministerialis (un nome preso a prestito dai cavalier serventi di Germania). Questo potere dev’essere usato con cautela. Abbondano storie di folli Cappadoci che crearono un guerriero non-morto solo per perderne il controllo ed essere portati al loro ultimo fato proprio dalla loro creazione. 

Sistema: un guerriero (sebbene il cadavere d’un combattente sia più adatto di quello d’un contadino). Athanatos (al plurale Athanatoi) è un utilizzo vagamente ironico d’un termine utilizzato da Erodoto per i cosiddetti “Immortali”, la guardia d’elite degli antichi re di Persia. I Cappadoci con un’inclinazione meno “classica” spesso chiamano questi guerrieri semplicemente cavalieri cadaverici o ministerialis (un nome preso a prestito dai cavalier serventi di Germania). Questo potere dev’essere usato con cautela. Abbondano storie di folli Cappadoci che crearono un guerriero non-morto solo per perderne il controllo ed essere portati al loro ultimo fato proprio dalla loro creazione. Sistema: Il giocatore spende 2 Punti Sangue e tira Costituzione + Occulto (difficoltà 8), mentre il personaggio impiega cinque minuti facendo gocciolare secondo uno schema rituale il sangue su un cadavere. Aver successo indica che la salma si ridesta per diventare un guerriero animato con le statistiche di gioco segnate a pagina 312. Successi aggiuntivi possono aumentare le capacità combattive del guerriero. Questi tenterà sin dal principio di liberarsi dal giogo del personaggio. Sebbene privo di mente, egli possiede una forte volontà e se il Cainita ne perde il controllo, esso attaccherà la cosa che gli è più vicina, sia essa un mortale od un vampiro. Il personaggio deve tirare su Forza di Volontà (difficoltà 7) per ottenere il controllo dell’Athanatos, a quel punto esso seguirà i suoi ordini. Le statistiche di gioco del guerriero sono a pagina 312. Notare che se il cadavere da cui il guerriero viene creato possedeva (in vita) punteggi in Rissa, Schivare, Tiro con l’Arco o Mischia maggiori di quelle previste per la creatura, esso ricorrerà a quest’ultime. Oltre a ciò, successi aggiuntivi nel tiro iniziale di Costituzione + Occulto possono essere impiegati per dare ulteriori punti in ciascuna di queste Abilità, sino ad un massimo di 5 per ogn’una. Il combattente è totalmente incapace in ogni altro compito, che non siano le più semplici azioni non-guerresche. Esso può aprire una porta, ma versare una coppa di vino va oltre le sue capacità. Questo potere dura per una notte, al termine della quale il guerriero non-morto deve essere rianimato con la spesa d’ulteriore sangue ed un altro tiro di Costituzione + Occulto. Inoltre il personaggio deve prestare molta attenzione agli impulsi omicidi del mostro. Se il combattente non-morto si allontana d’oltre 100 metri dal personaggio, egli agirà di propria iniziativa, tentando d’uccidere qualsiasi cosa esso incontri. Il Cappadocio può tentare nuovamente d’imporre la sua volontà sull’essere grazie ad un nuovo tiro di Forza di Volontà, ma egli dovrà portarsi almeno a pochi metri dal mostro assassino per farlo. Se la creatura inizia a combattere, il personaggio deve fare un ulteriore tiro Forza di Volontà (difficoltà 7) per mantenerne il controllo quando il combattimento termina e non ci sono più nemici nelle vicinanze.

Cavaliere Cadaverico Athanatos

Attributi: Forza 3, Destrezza 3, Costituzione 3, Carisma 0, Persuasione 0, Aspetto 0, Percezione 1, Intelligenza 1, Prontezza 2
Abilità: Tiro con l’Arco 2, Atletica 2, Rissa 2, Schivare 3, Mischia 3
Forza di Volontà: 0
Livelli di Salute: 5x(0), 1x(-5)
Attacchi: Pugno Forza +1, danno da urto; tipicamente gli Athanatoi sono armati con spada ( Forza + 4, danno letale) ed indossano armature leggere o composite (+3 per assorbire).

[notification type=”notification_info” ]gli Athanatoi (termine greco significante “senza morte”) sono terribili guerrieri rianimati dal sepolcro dalla Via della Rianimazione Cadaverica. Assumendo che il Cappadocio mantenga il controllo del cavaliere, esso gli obbedisce. Gli Athanatoi si muovono come normali esseri umani. Essendo per davvero esseri morti, essi sono immuni a pressochè tutti gli effetti delle Discipline di controllo mentale ed assorbono i danni letali e da urto come i vampiri.[/notification]  

(5) Adunare l’Armata di Cadaveri

Questo potere è simile a “Richiamare l’Athanatos”, tranne che vi si ricorre per creare un certo numero di guerrieri per servire il personaggio. Radunare un esercito di cadaveri è molto più rischioso per l’utilizzatore di quanto non sia ricorrere a “Richiamare l’Athanatos”. Mentre la perdita di controllo per un Cappadocio che stia usando “Richiamare l’Athanatos” significa che egli può trovarsi faccia a faccia con una delle sue creazioni, qualora accada lo stesso mentre stia mettendo insieme un’armata di cadaveri, può significare per lui il trovarsi di fronte almeno mezza dozzina d’altrettanti mostri.

Sistema: Il giocatore spende 3 Punti Sangue e tira Costituzione + Occulto (difficoltà 8), mentre il personaggio sparge ritualmente la propria Vitae su tanti cadaveri quanti ne vuole rianimare. Ogni successo fa alzare due guerrieri non-morti con statistiche di gioco uguali a “Richiamare l’Athanatos”. Successi aggiuntivi però non possono essere impiegati per aumentare le Abilità dei membri dell’orda, ma i cadaveri di soldati e cavalieri saranno ovviamente più potenti di quelli di contadini o nobildonne. Fallimento e fallimento critico hanno lo stesso effetto che per “Richiamare l’Athanatos”. Come per quel potere, il Cappadocio deve conservare un rigido controllo sugli assassini che ha evocato, compito più difficile avendo a che fare con un’armata piuttosto che con un singolo guerriero. Il Cappadocio deve imporre e mantenere il controllo esattamente come descritto in “Richiamare l’Athanatos”, salvo per il fatto che la difficoltà del tiro di Forza di Volontà è 9. Come nel caso d’un singolo combattente, l’esercito di cadaveri resta attivo solo per una notte. Questo potere può essere utilizzato in maniera più sicura per animare un gruppo di servitori cadaveri. La difficoltà resta la stessa, ma i successi consentono di creare dei servitori cadaveri che non hanno bisogno d’un tiro di Forza di Volontà per essere controllati.

Copyright 2001 – 2015 © Giuliano Gianfriglia

© 2008 CCP hf. All rights reserved. Reproduction without the written permission of the publisher is expressly forbidden, except for the purposes of reviews, and for blank character sheets, which may be reproduced for personal use only. White Wolf and Vampire: The Masquerade are registered trademarks of CCP hf. All rights reserved. Vampire: The Masquerade is trademark of CCP hf.All rights reserved. All characters, names, places and text herein are copyrighted by CCP hf.

I testi originali prodotti e proposti su questo sito che non incorrono nella precedente categoria sono opera di fan per altri fan, non c’è scopo di lucro, e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.
Creative Commons License