Lasombra

“E’ vero che cerco di comandare sempre sul mio gruppo, ma soltanto perché sono sicuro di poterlo fare meglio degli altri. Ti guarderei più benevolmente se tu volessi aiutarmi a rafforzare la nostra amata Setta. Sono sicuro che tu sai bene che, se io diventassi capo, le tue idee avrebbero sicuramente più possibilità di essere tutelate e di giovare al Sabbat. Inoltre, c’è ancora qualcosa che posso fare per te…”

I Lasombra sono i detentori della leadership del Sabbat: i membri di questo clan tendono ad essere i più fedeli e aggressivi vampiri di tutta la Setta. Il loro indiscusso successo nel combattere metodicamente tutti i vampiri che non fanno parte del Sabbat non fa altro che aggiungere altro prestigio a questi cainiti. Qualcuno parla dell’esistenza di alcuni Lasombra Matusalemme all’interno dell’Inconnu, il cui unico desiderio è di porre fine all’esistenza di questa nobile Stirpe. Ci sono poi anche dei Lasombra che si definiscono Anticlan: questi cainiti riferiscono le proprie origini a Montano, antagonista di Gratiano, ma non sono riusciti ad integrarsi nella Camarilla, perciò ora conducono una non-vita solitaria, pensando più a nascondersi dai numerosi nemici, che ad attaccare il Clan. I Lasombra sono leader nati, ed iniziarono a reggere le fila del Sabbat subito dopo la Rivolta degli Anarchici. I discendenti di Luciano sapevano di non avere altra scelta: sarebbero stati sicuramente distrutti dagli Anziani se non fossero riusciti a dare coesione alle giovani generazioni in rivolta. La loro capacità organizzativa non fece altro che incrementare il prestigio di questi vampiri: dalla fondazione del Sabbat ad oggi tutti i Reggenti della Setta, tranne uno, sono stati dei Lasombra. I membri di questo Clan sono molto fedeli alla Setta: sono convinti, infatti, che il loro compito principale sia quello di guidare il Sabbat verso il completamento dei propri obiettivi; la lotta per il comando è continua, ma lo scopo finale è sempre quello di avere nelle posizioni fondamentali un membro del proprio gruppo. Nel Sabbat c’è sicuramente meno intrigo che nella Camarilla, ma quel poco che c’è deve sicuramente essere attribuito ai Lasombra. Questi cainiti enfatizzano al massimo il controllo della politica dei mortali, della religione e delle finanze: questo è il loro metodo di assicurare al Sabbat la migliore prosperità e sicurezza possibile. In fondo “ciò che è utile al Clan Lasombra è utile allo stesso tempo anche alla Setta”. I Lasombra sono maestri dell’intrigo, più di quanto lo siano i Ventrue e i Tremere: invece di creare rigorose gerarchie come fanno i Clan sopraccitati, questi cainiti si coalizzano tutti insieme per essere ancora più aggressivi e competitivi. La loro leadership sul Sabbat si basa, infatti, su forza, spionaggio e manipolazione. La parola ” Machiavellismo” descrive pienamente la filosofia di questo Clan: muoversi nell’oscurità , manipolare, agire solo al fine di comandare serve solo a sottolineare il loro naturale rapporto con il buio, con le tenebre. Prima della Rivolta degli Anarchici il centro del potere Lasombra era situato nei paesi Mediterranei: lì avevano instaurato fin dall’antichità il controllo su quasi tutte le istituzioni mortali. Con la scoperta del Nuovo Mondo, il Clan allargò la propria rete di potere in America, conquistando il predominio sull’America Latina e sulle maggiori città statunitensi del New England.

Riferimento italiano: LASOMBRA

Soprannome: Custodi

Aspetto: i membri di questo Clan riflettono ancora il profondo radicamento tra le genti spagnole e italiane: per la maggior parte hanno una carnagione mediterranea, con occhi e capelli neri. Il loro modo di vestire ricercato, che riflette l’ideale di nobleza della Spagna del XVI secolo, li rende, a prima vista, simili ai Ventrue. àˆ frequente anche imbattersi in Lasombra che vestono abiti clericali, dato che il Clan per secoli si è mescolato alle gerarchie del clero cattolico.

Rifugio: i Lasombra più giovani preferiscono andare a vivere nei rifugi comuni, abbandonando le abitazioni originali. I più anziani invece sono irresistibilmente attratti da lussuosi appartamenti, grandi ville isolate, attici, insomma tutto ciò che possa riflettere esteriormente la propria superiorità.

Discipline: Dominate/Dominazione, Obtenebration/Ottenebramento, Potence/Potenza

Punti Deboli: dal momento dell’Abbraccio il corpo dei Lasombra non è più specchiato dalle superfici riflettenti. Specchi, pozze d’acqua, metalli, vetri, mercurio; niente di tutto ciò riflette l’immagine dei Lasombra. Telecamere, fotografie a colori, monitor, sensori di movimento ed altri strumenti elettronici riescono a catturare l’immagine di questi Cainiti, ma solo in una forma evanescente.

Conseguimento del prestigio: i Lasombra preferiscono che i membri del proprio Clan competano l’un con l’altro per raggiungere i propri scopi. Metodo migliore per raggiungere una posizione di prestigio all’interno di questo Clan consiste nel ricoprire delle posizioni di comando all’interno del Sabbat, specialmente quando questo avviene a discapito di cainiti di altre discendenze. Tuttavia la strada più sicura per guadagnare prestigio tra i Lasombra è quello di accrescere le risorse e il potere del Clan, attraverso successi finanziari, politici o bellici.

Riferimento: Vampire the Masquerade 20th Anniversary Edition, Vampiri la Masquerade, Libro dei Clan: Lasombra

Copyright 2001 – 2015 © Giuliano Gianfriglia

© 2008 CCP hf. All rights reserved. Reproduction without the written permission of the publisher is expressly forbidden, except for the purposes of reviews, and for blank character sheets, which may be reproduced for personal use only. White Wolf and Vampire: The Masquerade are registered trademarks of CCP hf. All rights reserved. Vampire: The Masquerade is trademark of CCP hf.All rights reserved. All characters, names, places and text herein are copyrighted by CCP hf.

I testi originali prodotti e proposti su questo sito che non incorrono nella precedente categoria sono opera di fan per altri fan, non c’è scopo di lucro, e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.
Creative Commons License

Lascia un commento