Virtual Adepts

Se tutti i punti dello spazio sono uno solo, a che pro continuare a credere che questa sia l’unica realtà? E se non è l’unica allora non è di certo la migliore. Per questo vi è la necessità di crearsi da sè un mondo in cui vivere, una realtà 2.0, una realtà che la gente comune battezzerebbe come “virtuale” senza rendersi conto che l’unica cosa ad essere davvero virtuale è la loro libertà. Per questo la nuova realtà avrà una sola regola: mai limitare la libertà degli altri, nessuno limiterà la tua. Benvenuto in Reality 2.0! Con una storia simile a quella dei Sons of Ether, i Virtual Adepts hanno affrontato il passaggio da Convention Tecnocratica a Tradizione. Sotto il nome di Difference Engineers portavano avanti progetti volti a studiare la comunicazione e lo spazio, progetti che nell’ultimo periodo furono molto osteggiati dalla Tecnocrazia. Da alcuni ragionamenti sull’utilizzo del telefono e su come due persone così distanti potessero comunicare fu teorizzata l’esistenza di un reame di collegamento accessibile da ogni punto di questa stessa realtà. Questo reame non era altro che il Digital Web. Alan Turing, l’uomo d’avanguardia dei futuri Virtual Adepts scoprì l’esistenza di questo reame negli anni ’50, anche per via di alcuni suoi esperimenti su Internet. Ritenuto troppo pericoloso dalle altre convention il progetto fu quasi costretto a chiudere… se non che Turing scampò alla morte trascendendo il suo corpo materiale ed entrando nel Digital Web. Qualcuno sostiene anche che con quest’atto ultimo abbia dato vita alla nuova realtà che trova casa in quel reame. Da quel giorno i Difference Engineers hanno cambiato nome in Virtual Adepts e al fianco delle Traditions combattono affinchè ognuno abbia la possibilità di ricreare la propria vita in totale libertà. Qualcuno direbbe in totale anarchia. Forse è proprio per il loro atteggiamento ribelle che anche i più vecchi maghi delle Traditions vedono con sospetto i nuovi venuti. Non che non abbiano provato la loro completa adesione alla visione delle Traditions, ma il cambiamento porta sempre perplessità, soprattutto per chi non vi è abituato. Il fatto di essere una ex convention ha portato loro almeno due vantaggi: il totale rispetto dei Sons of Ether, una duratura alleanza in nome della vera scienza: l’innovazione! Ed un vantaggio in termini di tattica… dopotutto, non conoscono i Tecnocratici meglio di loro stessi? Non usano i loro stessi mezzi? Ed ecco l’arma che le tradition hanno desiderato per tanto tempo. Sarà forse quella che cambierà le sorti della guerra?

Sfere: Correspondence

Foci: Computers, impianti cibernetici, rituali di hackeraggio, formule matematiche, programmi, dispositivi sensoriali, equipaggiamento di sorveglianza e sicurezza

Copyright 2001 – 2015 © Giuliano Gianfriglia

© 2008 CCP hf. All rights reserved. Reproduction without the written permission of the publisher is expressly forbidden, except for the purposes of reviews, and for blank character sheets, which may be reproduced for personal use only. White Wolf and Vampire: The Masquerade are registered trademarks of CCP hf. All rights reserved. Vampire: The Masquerade is trademark of CCP hf.All rights reserved. All characters, names, places and text herein are copyrighted by CCP hf.

I testi originali prodotti e proposti su questo sito che non incorrono nella precedente categoria sono opera di fan per altri fan, non c’è scopo di lucro, e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.
Creative Commons License

Lascia un commento