Cacciatore di Spettri

“Chris era una persona tranquilla,con una splendida figlia di 5 anni. Helene la moglie era venuta a mancare da un paio d’anni. Era difficile tirare avanti. Oltretutto per vivere faceva una cosa molto rischiosa, il poliziotto. Era una di quelle persone che teneva anche a dei valori saldi come l’integrità. Una sera come tante tornando a casa vide una cosa che era impossibile. Sua moglie che apriva il portone e stava per salire. Non credeva a ciò che aveva visto. Si affrettò salì su per le scale,la porta del suo appartamento era accostata. Prese la pistola, abitudine.Entrò e la casa era in totale soqquadro. Helene stava seduta sulla poltrona e nel vedere Chris disse ‘Non ho molto tempo. Qualcuno ha preso la piccola, corri al lago,prima che sia troppo tardi…’ Chris voleva dire qualcosa,ma prima che riuscì a dire qualcosa fu distratto per un secondo da un rumore provenire dalle scale,girandosi di scatto. Come si voltò Helene era sparita….” 

Come il Grigio ha miriadi di sfumature,così un Cacciatore di Spettri deve discernere dai singoli ‘Phenomena’. Ogni singolo abitante dell’UnderWorld che entra in contatto con la realtà ha motivazioni differenti. Il Cacciatore di Spettri si ritrova ogni volta in mezzo a uno scenario differente che lo porta in un modo o nell’altro a risolvere alcune situazioni, anche di diversi secoli prima. Le motivazioni per cui una persona diviene un Cacciatore di Spettri sono le più disparate. Dalla conoscenza, al lavoro, allo studio. Nessuno può effettivamente etichettare le loro motivazioni in uno standard.

“Chris c’aveva fatto il callo. Era diventato tanto bravo da riuscire a distinguere ciò che era vero, da ciò che non era più di questo mondo. Ora era alle prese con un copycut di un serial killer morto 30 anni prima. A dire il vero sapeva che non era un copycut ma era il serial killer in persona(o quasi) a continuare quell’assurda carneficina. Era risalito alla possibile persona che gli faceva da involucro. Prima però doveva trovare ciò che aveva spinto quell’anima dannata a ritornare nel nostro mondo. Iniziò ritornando alla casa dell’uomo, sicuramente avevano tralasciato qualcosa. Qualcosa di tanto importante per lui, ma insignificante per il resto del mondo. Entrò e sentì dei rumori. “C’è Nessuno? Polizia!” urlò. Un cigolio. Poi il silenzio. Chris si girò e si rigirò come se avesse intravisto un ombra. Un uomo sulla quarantina ora gli si parava davanti.”Mani in alto!Polizia!” urlò Chris con tono deciso. L’uomo non disse nulla, fece solo un cenno e scaraventò un tavolo di legno contro il povero poliziotto colpendolo in pieno. Chris, a terra dolorante sotto il tavolo, pensò che forse avrebbe fatto meglio a sparargli…” 

Un Cacciatore di Spettri si trova molto spesso a dover dare un giudizio prima di poter effettivamente dare la pace a spiriti inquieti. I Metodi sono i più disparati e variano da molte variabili: Cultura del Cacciatore, fede praticata, attrezzatura , livello di contatto, conoscenza dell’ambiente e della storia del posto. Fondamentale è la ricerca delle motivazioni per cui uno spirito entri in contatto con la realtà. L’arma più comunemente usata da loro è la conoscenza. Conoscere il loro nemico a fondo equivale a vittoria sicura.

Citazione: “La pace è difficile da trovare. Sopratutto per i morti.”

Copyright 2001 – 2015 © Giuliano Gianfriglia

© 2008 CCP hf. All rights reserved. Reproduction without the written permission of the publisher is expressly forbidden, except for the purposes of reviews, and for blank character sheets, which may be reproduced for personal use only. White Wolf and Vampire: The Masquerade are registered trademarks of CCP hf. All rights reserved. Vampire: The Masquerade is trademark of CCP hf.All rights reserved. All characters, names, places and text herein are copyrighted by CCP hf.

I testi originali prodotti e proposti su questo sito che non incorrono nella precedente categoria sono opera di fan per altri fan, non c’è scopo di lucro, e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.
Creative Commons License

Lascia un commento